Sentieri #5 Malta

Progetto di performance site-specific per luoghi da riscoprire

in occasione di Altofest Malta, Valletta Capitale della Cultura 2018

Geografia. Una traccia intorno al disorientamento

Cartografie dell’istante. Varo di paesaggi che prendono il largo e ci mutano dentro. Siamo un’architettura migrante che procede articolando nuovi punti cardinali. La mappa si tradisce e scrive nuova mappa e ancora nuova mappa. Mai tuttavia fedele al terriotrio, ovvero a cosa più fedelmente prova a rappresentare. Il territorio per dire di sé chiede capillare immersione, occhi attenti, nuove visioni. Il recupero, la ri-conoscenza di antiche dimensioni. Seguiamo un atlante nomade dove si tracciano e cancellano e tracciano ancora ipotesi e ricerche. La scrittura qui è schizzo, bozza, appunto, memoria, multiforme rappresentazione, riferimento e tradimento. Orientarci attraverso l’ostinata precisione del cammino e al tempo stesso il disorientamento, allargare i paesaggi di dentro, modellare nuove scritture, intarsiare nuovi percorsi. Scendere strato strato nelle geografie del senso, nella geologia del verbo, nella cartografia dello stare nel tempo. Dentro la scrittura della terra si trasformano le idee, i confini, le parole, i disastri, il senso. C’è chi attende, chi tende lo sguardo, chi ignora, chi si arrende. C’è chi non arriverà mai, l’assente. E il niente, capace di varcare il limite oltre il quale il nostro sguardo tende.

Stiamo nel labile confine tra perdere le coordinate e giungere alla soglia di altre scoperte. Un funambolico avanzare tra i paesaggi di fuori e i paesaggi di dentro. Il loro scambio incessante, inevitabile, spietato, stupito, vertiginoso, sorgivo, gigante. Un accordo dissonante e assonante che crea una partitura di passi, inciampi, agguati, miraggi, incastri. Verso un nomadismo del sapere. Perchè passo dopo passo si compone la scrittura. Passo dopo passo il sentiero svela la sua misura, il suo enigma, l’incontro con l’inaspettato, l’avventura mitica dello smarrirsi, del ritrovarsi altro, di inventarsi nuovi, inventare altro. La geografia è una scrittura infinita. Un cammino terreno e una scienza cosmica.

dove: Majjistral Park, Malta

quando: 21, 22, aprile 2018

tema: disorientamento

Ideazione e direzione Serena Gatti e Raffaele Natale

Testi Serena Gatti

Musiche Raffaele Natale

di e con: Concetta Cariello, Stefano Puzzuoli ,Ivanna Haag, Lexi Samut Tagliaferro, Sophie Thirion, Maura Zannini

Assistenza alla direzione: Fabrizio Leverone

Direzione di scena: Lucia Lembetti

Segno video-fotografico: Simone Buono,Carla Pampaluna, Dania Puggioni

Produzione: Altofest Malta, Valletta 2018

31453779_10155962649536348_1679619692076990464_n31444728_10155962649291348_2107722283882643456_n-231445065_10155962649386348_1409110454067789824_n-2_MG_1587_MG_1577 _MG_1732_MG_1591_MG_1684_MG_1660 _MG_1657 _MG_1649 _MG_1646-2 _MG_1639 _MG_1637 _MG_1636 _MG_1632 _MG_1630 _MG_1621 _MG_1601_MG_1692 _MG_1598_MG_1687_MG_1683 IMG_4120_MG_1698_MG_1720_MG_1716_MG_1706IMG_1741



I commenti sono chiusi.